Stanze / Book presentation

STANZE

altre filosofie dell’abitare

 

July 20th, 2016 – h. 18:00
Triennale di Milano

 

11 stanze14x24

 


Conference / Exhibition

IL MUSEO ITALIANO FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

The Italian Museum between Tradition and Innovation

POLIMIforICOM

 

 
Giovedì 7 luglio, ore 9.00
Aula Rogers, Politecnico di Milano, Via Ampère, 2

 

 

 

Il Politecnico di Milano partecipa con l’iniziativa POLIMIforICOM alla 24^ General conference ICOM, MUSEUMS AND CULTURAL LANDSCAPES e al dibattito che investe oggi la valorizzazione del patrimonio culturale nel rapporto fra pratiche museali, musei di comunità, ecomusei, sviluppo locale e paesaggi culturali.

Nell’ambito di POLIMIforICOM il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani e la Scuola di Architettura, Urbanistica, Ingegneria delle Costruzioni organizzano la conferenza internazionale IL MUSEO ITALIANO FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE / THE ITALIAN MUSEUM BETWEEN TRADITION AND INNOVATION. Il convegno propone una riflessione sul rinnovato ruolo sociale del museo, nel cambio di prospettiva che inserisce cultura materiale e immateriale nell’ambito della tutela, con un preciso impegno per la trasformazione dell’istituto museale, della sua organizzazione e della sua architettura nella realtà contemporanea e nel contesto urbano e territoriale.

Due mostre testimoniano l’attualità del tema all’interno del Politecnico: PROGETTARE MUSEI/DESIGNING MUSEUMS che ha come oggetto l’analisi e la progettazione in ambito museale, dall’architettura alla museografia, dall’allestimento alla museotecnica, al rapporto fra museo e territorio, e FREDI DRUGMAN: Il PROGETTO AL MUSEO dedicata alla figura di Fredi Drugman docente e progettista, fin dagli anni ’70 instancabile promotore del museo quale luogo di cultura e di scienza, di dibattito sociale e politico, di incontro e di vita civile.

 

Comitato organizzatore:

  • Luca Basso Peressut
  • Giuliana Ricci
  • Mariella Brenna
  • Marcella Ricci
  • Cristina F. Colombo
  • Maria Pietrogrande

Collaboratori: Francesca Danesi, Vittorio Degli Innocenti, Matheus Domenghini Albano, Jacopo Leveratto, Maria Mikaelyan

 

Programma

Pieghevole

 

Progettare musei | Designing Museums

Fredi Drugman. Il progetto al museo


Call for Papers / Conference

Creative Society: Ideas, Problems, and Concepts

 

March 13-14, 2017
Florence, Italy

 

Submission deadline: October 15th, 2016

 

The Fondazione Romualdo Del Bianco with its International Institute Life Beyond Tourism and the Faculty of Creative Industries of the Vilnius Gediminas Technical University of Lithuania, are promoting the International conference “Creative Society: Ideas, Problems, and Concepts” to be held in Florence in March 13-14, 2017.

The aim of the conference is to analyse the phenomena, mechanisms and tendencies of creative society; its concepts, processes, connections, structure and laws along with its tendencies, models and problems in the perspective of mass communication theory; the influence of media phenomena on development of the creative society and a creative individual.

 

Main sessions (subjects) of the conference:

  • the creative and cultural concepts
  • the cultural and creative industries
  • managing creativity and creative life-art
  • creative ecology
  • creative ethics
  • creativity geography
  • politics of creativity
  • entertainment from a creative point of view
  • sociability of creativity
  • technologies in creative society
  • creativity indices of society
  • phenomenology of creativity
  • psychology of creativity
  • advances in creativity methods

 

DEADLINE FOR SUBMISSION

The abstracts must be sent to: kifk@vgtu.lt  no later than October 15th, 2016

 

Call for Papers and General Information
Official Webpage of the Conference 


Bando Borsa di Studio

Bando di selezione per il conferimento di una Borsa di Studio nell’ambito dell’iniziativa “Jobless Society Platform”

Spazi, lavoro e cultura nell’era della disintermediazione e della collaborazione

 

Deadline: 22 Giugno 2016

 
La Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e l’Associazione culturale cheFare nell’ambito dell’iniziativa “Jobless Society Platform” promuovono il presente bando per una borsa di studio dal titolo:
“Spazi, lavoro e cultura nell’era della disintermediazione e della collaborazione”.

L’obiettivo della ricerca, della durata di 10 mesi, sarà quello di delineare lo stato dell’arte relativo al rapporto tra innovazione dei processi di produzione culturale e trasformazione degli spazi urbani, con particolare attenzione a quello che sta accadendo nella città di Milano e in altre aree metropolitane internazionali.

Tramite il presente bando si offre una borsa destinata a un ricercatore che svolga un’indagine rivolta ai processi di disintermediazione e alle pratiche di collaborazione che hanno investito e ridefinito il mondo del lavoro e in particolare quello della produzione culturale.
Nell’ultimo decennio abbiamo assistito al passaggio da un paradigma verticale orientato sull’asse “produttori – consumatori” a un paradigma orizzontale caratterizzato dalla coesistenza e pluralità di attori sociali che interagiscono a livello reticolare. Il fenomeno di disintermediazione ha riconfigurato interi settori: quello dell’informazione, dell’editoria, delle arti e dell’industria creativa, fino al mondo della rappresentanza politica.
Se da un lato sono noti gli effetti di perdita prodotti dai processi di disintermediazione nel campo dell’industria culturale – non solo i tagli all’occupazione e i cali nelle vendite, ma anche la messa in  discussione della funzione sociale e culturale tradizionalmente associata ai crediti formativi – dall’altro è necessario indagare come le nuove opportunità offerte dal web e dalle tecnologie digitali abbiano permesso, proprio a quegli stessi lavoratori cognitivi colpiti dall’effetto disintermediazione, di attivare strategie di scambio e co-produzione volte alla definizione di nuove strategie di sostenibilità economica.
La tecnologia e le piattaforme digitali hanno favorito la condivisione, migliorato la reciprocità, facilitato la redistribuzione e lo scambio. Le interazioni, tuttavia, non si producono solo a livello virtuale ma riaffermano una dimensione cooperativa e partecipativa anche nella gestione degli spazi fisici.
Se i progetti creativi possono rappresentare un mezzo efficace di rigenerazione e sviluppo sociale ed economico, va compreso in che modo i settori culturali costituiscano dei motori produttivi capaci di generare non solo economie e modelli di business innovativi, ma anche reti professionali e opportunità di lavoro e produzione culturale di qualità.

(more…)


Dialoghi trasversali

locandina


Conference

Think.Design.Build – Architectural Matters

 

June 2-3, 2016
Institute for Architecture, Ernst-Reuter-Platz, Berlin.

 

The conference will focus on the multiple correlations between idea (think), creation (design) and realisation (build), which shape the process of architecture. The far-reaching transformations that the discipline undergoes today underline the conference’s relevance. Pressured by data driven dynamics of development regarding simulation (building information modeling), computerisation (ubiquitous computing) and digital networking (internet of things), we detect a growing de-differentiation of architecture. Instead of being an active agent, architecture seems to have turned into a passive, silent witness of our society’s transformation. With the ongoing process of technological development that massively transforms everyday life, architecture more and more renounces its social aspirations. This is especially the case where architecture mimics the tools and machines, which should be at its service.

Architecture’s current crisis demands a critical analysis of the discipline’s knowledge practices and its complex synergies. The conference therefore critically examines the three knowledge practices of thinking (concept/word), designing (drawing/model) and building (material/structure) and their respective mediality, mode of action, and knowledge potential. On the one hand we will analyse the three conceptual levels in regard to their respective guiding principles, methods and medial tools. Moreover, we will investigate the interdependence of these three conceptual levels and how specific architectural knowledge is transferred between them.

The conference aims to connect questions of research, teaching and practice. Focussing on that which can be expressed in words (idea), represented in drawings (creation), and constructed in material (realisation) the three pillars of architectural education will be addressed and critically investigated. Hence, by analysing the three conceptual levels of thinking, designing and building the conference wishes to clarify also methodological questions of architectural education. The focus on the correlation between the three conceptual levels will furthermore allow to confirm the unity of the architectural process.

 

Invited are more than 40 distinguished architects and scholars of architecture theory and history from more than 12 nations. Keynote speaker will be Toyo Ito. He will give his lecture on June 3rd at 7 pm.

The conference language is English. There is no admission fee. Please register: IfA_geschaeftsstelle@tu-berlin.de

 

Please check the conference website and download the Full Programme for more informations.

 


Open Lectures on exhibition design – MantovArchitettura 2016

workshop+open lecture series
Installations Exhibitions Arts: making projects

 

18 maggio mercoledì, ore 10,30
Casa del Mantegna, via Acerbi 47 Mantova

ATELIER BRÜCKNER: Uwe R. Brückner | Stuttgart, Germany
«Scenography – the spirit of holistic design/Scenografia  – lo spirito del design olistico»
discussant Luca Basso Peressut | Politecnico di Milano

 

19 maggio giovedì, ore 10,30
Casa del Mantegna, via Acerbi 47 Mantova

ISA STEIN STUDIO: Isa Stein | Linz, Austria
«Creating an aura/Creando un’aura»
discussant Peter Assmann | Direttore del Complesso Museale di Palazzo Ducale, Mantova

 

26 maggio giovedì, ore 10,30
Casa del Mantegna, via Acerbi 47 Mantova

MIGLIORE+SERVETTO ARCHITETTI: Ico Migliore | Milano, Italy
«Within the scene: new narrative spaces/Dentro la scena: nuovi spazi narranti»
discussant Luisa Collina | Politecnico di Milano, Preside della Scuola del Design

 

Programma completo di MantovArchitettura


Premio Tesi Laurea Magistrale

Premio “Ezio De Felice” per gli Studi di Museografia e Museologia

Seconda edizione – Anno 2016

 

La Fondazione Culturale Ezio De Felice, allo scopo di promuovere e valorizzare ricerche svolte da giovani studiosi nel settore della Museografia (ICAR 16) e della Museologia (L-ART 04), bandisce per l’anno 2016 la II edizione del “Premio Ezio De Felice” per gli Studi di Museografia e di Museologia.

Il Premio verrà assegnato alla Tesi di Laurea Magistrale che presenti particolari qualità analitiche e metodologiche e costituisca un contributo originale nel campo degli studi di Museografia e Museologia. Saranno privilegiate le Tesi di Laurea Magistrali condotte con specifica metodologia che consenta di mettere in luce i moderni indirizzi internazionali di Museografia e di Museologia.

Possono concorrere al Premio autori che abbiano conseguito la Laurea Magistrale nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2013 e il 31 dicembre 2015, e che alla data del conseguimento della Laurea non abbiano superato i 30 anni di età.

 

Maggiori informazioni nel bando


Exhibition

STANZE

 

2 April – 12 September 2016
Palazzo della Triennale, Italy

 

Tutti abitiamo dentro alle case, e dentro a quegli spazi la nostra vita si svolge per buona parte. Lì ci riposiamo, ci rigeneriamo, leggiamo, pensiamo, studiamo, mangiamo, dormiamo, viviamo insieme alla nostra famiglia, accogliamo gli amici.

In occasione della XXI Esposizione Internazionale, la Triennale di Milano e il Salone del Mobile presentano la mostra STANZE. Altre filosofie dell’abitare.

(more…)


Job / Victoria University of Wellington

Lecturer or Senior Lecturer – Interior Architecture

Faculty of Architecture & Design – Wellington, New Zealand

 

Applications close Tuesday, 31 May 2016

 

The School of Architecture seeks to appoint a full time lecturer or senior lecturer in Interior Architecture.

Candidates should exhibit evidence of a high level of research and scholarly production, along with a record of excellence in teaching and show strong promise of making significant contributions to the advancement of interior architecture as an academic discipline.

The successful candidate will demonstrate the ability to integrate a robust understanding of interior architecture theory and the principles of sustainable design for interiors with innovative design studio teaching.

 

Victoria University of Wellington is an EEO employer and actively seeks to meet its obligations under the Treaty of Waitangi.


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: